Oil & Gas

Produzione Acqua Potabile

I nostri impianti di produzione di acqua potabile sono dotati di un sistema di osmosi inversa (RO). 

Gli impianti sono basati su processi avanzati (brevettati) che sono stati in grado di ottimizzare il settore dell'industria Oil&Gas in oltre 30 anni di installazioni inshore e offshore.  

Una vasta gamma di pre-trattamenti e post-trattamenti sono possibili con i nostri sistemi aggiuntivi. 

Infatti, i nostri modelli sono ideati in modo tale che qualsiasi soluzione venga adattata alla richiesta personalizzata del cliente. La tecnologia avanzata che è stata utilizzata in più di 600 installazioni marine ci ha permesso di fornire con sicurezza soluzioni che superano i 30 anni di durata e riducono la manutenzione al necessario, consentendo al cliente di concentrarsi sul proprio core business. 

Il range della portata è compreso tra 10m3/h a oltre 1000 m3/h usando dei sistemi modulari.

Caratteristiche speciali.

L'opzione iPRO. Tutti gli impianti possono essere controllati in modalità remota da Membrane su richiesta del cliente, o anche direttamente dal cliente tramite un sistema DCS installato da Membrane all'interno della Control Room del cliente.

L'opzione iCon: uno strumento speciale in grado di misurare la performance individuale della membrana. Questa caratteristica unica e brevettata consente una manutenzione più ottimale  e duratura degli elementi delle membrane e offre una garanzia completa  grazie all'analisi dello stato operativo del singolo elemento ad una frequenza di campionamento di 1Hz. La garanzia OEM è completamente coperta quando questa opzione viene installata proteggendo così il capitale investito nelle membrane a sistema di osmosi inversa (RO).

Regole standard e certificazioni.

I nostri impianti di produzione di acqua potabile sono progettati secondo gli standard CE, ASME, ANSI, UNI se applicabili.

I componenti elettrici e di strumentazione possono essere per un'area sicura o conformi agli standard ATEX.

I recipienti a pressione sono progettati e testati secondo gli standard ASME VIII, ASME X e PED.

Settori di applicazione.

Molti sistemi vengono installati presso raffinerie, FPSO e impianti di perforazione offshore.

Rimozione Solfati

Gli impianti di rimozione dei solfati sono delle unità automatiche che producono acqua potabile di qualsiasi portata. Le membrane per la nanofiltrazione sono utilizzate per soddisfare specifiche richieste del settore negli ambienti più esigenti con la completa garanzia di funzionamento.

Il capitale che viene investito risulta significativamente più basso rispetto a quello dei competitors per via della mancanza di royalties e dei sovraprezzi.

I solfati sono rimossi al 97% ad una pressione variabile tra 25-35barg a seconda della tipologia di area del fattore di recupero e della temperatura.

I pre-trattamenti e i post-trattamenti sono possibili come parti integranti e sono disponibili facoltativamente su tutti i nostri sistemi.

I moduli sono progettati in modo tale che qualsiasi soluzione personalizzata venga realizzata su richiesta del Cliente.

Il range delle portate che è compreso tra 100 m3/h e i 2000 m3/h viene raggiunto con una singola serie di nanofiltrazioni.

Caratteristiche speciali.

Opzione iPRO © .  Tutti gli impianti possono essere controllati in modalità remota da Membrane su richiesta del cliente, o anche direttamente dal cliente tramite un sistema DCS installato da Membrane all'interno della Control Room del cliente.

Opzione iCon © : Uno strumento speciale in grado di misurare la performance individuale della membrana. Questa funzione unica e brevettata consente una manutenzione più ottimale  e duratura degli elementi delle membrane e offre una garanzia completa  grazie all'analisi dello stato operativo del singolo elemento ad una frequenza di campionamento di 1Hz. La garanzia OEM è coperta interamente quando questa opzione viene installata proteggendo così il capitale investito nelle membrane con sistema di osmosi inversa (RO).

 

Regole standard e certificazioni.

I nostri sistemi di rimozione dei solfati sono progettati secondo gli standard CE, ASME, ANSI, UNI ove applicabili.

I componenti elettrici e di strumentazione possono essere utilizzati per un'area sicura o conforme agli standard ATEX.

I recipienti a pressione sono progettati e testati secondo gli standard ASME VIII, ASME X e PED.

Campi di applicazione.

Raffinerie, FPSO e impianti di perforazione.

Filtrazione Ultrafine

Gli impianti di filtrazione ultrafine sono filtri speciali a pressione ASME VIII utilizzati nel settore Oil&Gas in grado di controllare grandi portate e trattenere particelle ultrasottili.

Il tipico sistema di filtrazione ultrafine capace di separare il 95-98% di microparticelle costituendo dei solidi sospesi in acqua. 

Poiché l'applicazione tipica è l'iniezione di acqua nel pozzo di petrolio o gas, le portate coinvolte raggiungono e superano le centinaia di m3 / h.

I supporti speciali a strati e i prodotti chimici finemente dosati sono elementi fondamentali di questa applicazione. 

I filtri fini, in genere, sono in acciaio al carbonio con strutture interne in vetro scheggiato con pressioni di calcolo fino a 20 brag.

L’impianto del dosaggio chimico completo è fornito con i filtri. Lo skid completo e  verniciato secondo le caratteristiche specifiche degli ambienti offshore comprende valvole, tubazioni, pompe, soffianti e viene collaudato presso il nostro stabilimento. L'intero processo è controllato dalla strumentazione PLC con i nostri software esclusivi.

Il range della portata che viene raggiunto è compreso tra 100 m3/h e 2000 m3.

 

Caratteristiche speciali.

Opzione iPRO © . Tutti gli impianti possono essere controllati in modalità remota da Membrane su richiesta del cliente, o anche direttamente dal cliente tramite un sistema DCS installato da Membrane all'interno della Control Room del cliente.

 

Regole standard e certificazioni.

I nostri sistemi di filtrazione ultrafine sono progettati secondo gli standard CE, ASME, ANSI, UNI, nei casi in cui siano applicabili.

I componenti elettrici e di strumentazione possono essere per un'area sicura o conformi agli standard ATEX.

I recipienti a pressione sono progettati e testati secondo gli standard ASME VIII, ASME X e PED.

 

Settori di applicazione.

Raffinerie, FPSO, FPO, impianti di perforazione, pre-trattamenti RO.

Produzione Azoto

 

Gli impianti di produzione di azoto impiegano membrane permaselettive per estrarre N2 dall'ossigeno (purezza: 98-99%).

Tutte le unità sono controllate da un sistema PLC per garantire una produzione regolare in condizioni controllate.

Vengono utilizzati una serie di pre-trattamenti per completare il processo, a seconda della qualità dell'aria e delle caratteristiche dell’area disponibile.

I pretrattamenti includono la pressurizzazione, scambio di calore, disidratazione, rimozione dell'olio o rimozione di particelle ultrafini.

Le unità sono molto facili da utilizzare e richiedono una minima manutenzione. L’operazione è garantita 24/h 7 giorni su 7 e si basa su un processo solido e una vasta esperienza nel campo.

Il disegno è modulare, questo permette di raggiungere qualsiasi portata. Alcuni esempi di portate raggiunte su un range FPSO sono comprese tra 100 Nm3/h to 1000 Nm3/h.

 

Caratteristiche speciali.

Opzione iPRO ©  . Tutte le unità possono essere controllate in modalità remota da Membrane su richiesta del Cliente, o anche direttamente dal cliente attraverso dei sistemi DCS di interfaccia installati da Membrane all'interno della Control Room del cliente.

Opzione Bottling. Come integrazione all’impianto di produzione di N2 includiamo anche il sistema di imbottigliamento per ricaricare le bottiglie di N2 a pressione (200-250 brag).

 

Regole standard e certificazioni.

Tutti i nostri impianti di produzione di azoto sono progettati secondo gli standard ASME, ANSI, UNI se applicabili.

I componenti elettrici e di strumentazione possono essere utilizzati per un’area sicura o conformi alle norme ATEX.

I vasi di pressione sono progettati e testati secondo gli standard ASME VIII, ASME X e PED.

 

Settori di applicazione.

Molti sistemi sono installati in raffinerie, FPSO, impianti di perforazione offshore e complessi chimici.

Trattamento Acque Reflue

 

Le applicazioni per il trattamento delle acque reflue sono progettate e sviluppate da Membrane variano da sistemi tradizionali basati su ACTIVE SLUDGE a sistemi MBR  (bioreattore a membrana), unità chimiche-fisiche e sistemi BILGE SEPARATION (conformi ai regolamenti IMO 107/49).

Quattro diverse tecnologie per risolvere qualsiasi trattamento e smaltimento dei flussi di acque reflue. 

Membrane garantisce il raggiungimento di risultati concreti e la piena conformità alle leggi e ai regolamenti locali. Con la sua solida esperienza in Europa, Medio Oriente, Estremo Oriente, e i requisiti Offshore, Membrane ha dato prova di saper soddisfare qualsiasi esigenza del Cliente.

Il processo è solido e affidabile e ciò garantisce prestazioni stabili su unità facili da utilizzare e mantenere.

Il progetto include i pre-trattamenti (come equalizzazione, anaerobica, denitrificazione ed altri ancora) e post-trattamenti (come la clorazione, l'ultrafiltrazione ed altri ancora).

Le unità possono essere containerizzate, basate su skid, o installate su aree progettate.

I sistemi di trattamento delle acque reflue possono essere ridondanti e molto spesso, in condizioni difficili, i nostri Clienti ci chiedono di installare unità come 2x100% or 3x50%.

Tutti i sistemi di trattamento delle acque reflue sono controllati attraverso un sistema PLC e includono i nostri software esclusivi di ultima generazione.

Alcuni esempi di range delle portate sono compresi tra 5 m3/h a 1000 N3/h.

 

Caratteristiche speciali.

Opzione iPRO © . Tutti gli impianti possono essere controllati in modalità remota da Membrane su richiesta del cliente, o anche direttamente dal cliente tramite un sistema DCS installato da Membrane all'interno della Control Room del cliente.

Zero Discharge Option: un post-trattamento finale (come l'osmosi inversa) che rende l'acqua trattata perfettamente utilizzabile per altri scopi (ad esempio: irrigazione prati, processi industriali, dissalazione).

I componenti elettrici e di strumentazione possono essere per un'area sicura o conformi agli standard ATEX.

I recipienti a pressione sono progettati e testati secondo gli standard ASME VIII, ASME X e PED.

 

Settori di applicazione.

Le unità sono solitamente installate in complessi Oil&Gas, raffinerie, FPSO, impianti di perforazione offshore, prodotti chimici complessi.

Sterilizzazione UV

Membrane ha stipulato accordi di lunga data con alcuni dei migliori produttori di sistemi UV e, essendo qualificata OEM con oltre di 30 anni di esperienza, progetta e costruisce sistemi standard su misura per tutte le vostre esigenze di debatterizzazione/ sterilizzazione. 

Garantiamo il raggiungimento di risultati duraturi e completamente conformi con le leggi e i regolamenti locali (ad esempio: EU, NIPH, IMO ed altri ancora) e siamo  anche in grado di fornire e installare impianti di sterilizzazione UV antideflagranti (ATEX) in aree critiche.

Grazie all'elevata versatilità dei sistemi UV, alcune applicazioni si utilizzano sulle acque primarie (come la debatterizzazione dei circuiti di acqua potabile) altre sulle acque reflue (trattamenti terziari). Inoltre, le tecnologie di ultima generazione permettono alle unità UV di operare in qualità di sistemi di riduzione TOC così come al progetto di includere i pre-trattamenti (equiparazione, l'anaerobica, denitrificazione e altro ancora) e i post-trattamenti  (clorazione, denitrificazione e altro ancora).

Le unità possono essere containerizzate, basate su skid o installate su aeree progettate.

A seconda della criticità delle condizioni ambientali, i sistemi UV possono essere installati con ridondanza, come ad esempio installazioni a 2 x100% o 3x50%.

I range delle portate sono compresi tra 5 m3/h e 1000 m3/h.

 

Caratteristiche speciali.

Monitoraggio, controllo esterno. I nostri impianti UV  possono essere controllati da remoto, compresi gli allarmi locali e l'attività delle lampade LED, e possono anche misurare l'intensità dei raggi UV per un controllo accurato e costante del dosaggio delle radiazioni.

Riduzione TOC. Radiazioni UV a lunghezze d'onda specifica sono capaci di annichilire il carbonio organico così da eliminare il contenuto TOC. Così i nostri sistemi UV  raggiungono gli obiettivi con attrezzature all'avanguardia adatte ad ambienti estremi.

Lampade ad alta pressione. Tra le varie opzioni tra cui scegliere noi offriamo  lampade UV, ad alta intensità, e alta pressione per la massima efficienza della radiazione.

Sistema di pulizia automatica. Alcune acque speciali (a bordo di navi, FPSO, navi da crociera) necessitano di post-trattare i liquami con valori elevati di NTU (es: elevata torbidità). Le nostre unità possono tenere perfettamente sotto controllo l'elevata intensità radioattiva e periodicamente puliscono automaticamente l'interfaccia in vetro al quarzo con il fluido da trattare.

I materiali di produzione: SS304, SS316(L), SS316(L) lucidato.

Le camere UV rispettano i requisiti PED, NIPH, NORSOK e ATEX.

 

Settori di applicazione.

Tipologie di acqua: potabile, industriale, reflue.

Le unità sono solitamente installate in complessi Oil&Gas, raffinerie, FPSO, impianti di perforazione offshore e prodotti chimici complessi.